Mimì in Cocotte

Posso aiutarti?

Valore non valido

Invalid email address.

Per inviare il messaggio devi accettare la mia Policy della Privacy

Per inviare il messaggio devi accettare la mia Policy della Privacy

 

Olé Cookie Box

olé interiez. e s. m., spagn. – 1. interiez. Propriam., orsù, avanti, come grido di esortazione, di incoraggiamento.
Nonché un grido festoso e deciso che accompagna le danze andaluse. Mi piace dirlo adesso, mi piace il suo suono e il suo significato.

La Cookie Box di maggio arriva a giugno, perché? semplicissimo: non c'è stato tempo di fare altrimenti. Il mio mese di giugno si è rivelato una centrifuga con i giri al massimo, dalla quale uscire pareva impossibile. Lavoro, tanto lavoro che presto vedrà i suoi frutti.
Oggi è pur sempre martedì, così, bando alle ciance: ecco i biscotti ispirati alla tradizione spagnola, nella speranza di visitare presto una terra così affascinante e colorata.

 Cookie Box Spagna 2

Ormai è trascorso più di qualche anno da quando lavoravo alla Santi Quaranta: la casa editrice trevigiana fondata da Ferruccio Mazzariol nel 1989 (abbiamo la stessa età), che fino a non molto tempo fa aveva anche una bottega di libri nuovi e usati a due passi dalla sede municipale di Ca’ Sugana.
Trascorrevo in quella piccola libreria parecchie ore e mi innamoravo ogni giorno di un nuovo libro. Vi fu la volta di Morte nel pomeriggio, scritto da Ernest Hemingway e illustrato da Pablo Picasso, Aldo Palazzi Editore, 1966: un capolavoro, che mi portai a casa come un tesoro di inestimabile valore.

L'ho sempre tenuto fra i manuali e i cataloghi d'arte, sebbene sia sospeso fra pittura e scrittura. Oggi, mentre preparavo i sablé alle mandorle e le Tortas de Aceite mi è venuta una gran voglia di risfogliarlo, finché è addirittura finito a fare da sfondo alle fotografie.

Mentre scrivo questo articolo, invece, non riesco a smettere di pensare a Confortatemi con le mele, uno degli ultimi libri divorati, scritto dalla immensa critica gastronomica Ruth Reichl (della quale non parlo mai!). Di Barcellona lei scrive: 

"Nonostante il mio stato d'animo, respirai profondamente dal naso, come inalando la città. Passammo sotto gli splendidi lampioni di ferro battuto del Passeig de Grácia e svoltammo per immetterci in viuzze tortuose, in cui ogni isolato emanava un profumo diverso. Uno odorava di pesce salato, quello successivo di frittelle, e subito dopo scoprimmo lo stagionato aroma del formaggio. Quindi, a metà di un nuovo isolato, il caldo profumo di mandorle arrostite ci tese un agguato improvviso."

 

 

BISCOTTI SABLÉ ALLE MANDORLE

Proprio con le mandorle comincio, quindi, visto che sono un ingrediente così presente nella piccola pasticceria spagnola. La ricetta in questione arriva da un libro di Phaidon che si intitola 1080 ricette, di Simone e Inés Ortega (mamma e figlia). In Spagna pare essere il manuale di cucina più venduto della storia: una sorta di Bibbia completa di tutti i piatti tradizionali che arrivano da ogni regione. Proprio come il capolavoro di cui sopra anche questo è adorabilmente illustrato, dalla mano di Javier Mariscal. I sablé sono biscottini molto burrosi, dal sapore delicato, ottimi per la merenda.

Ingredienti per 20 biscotti:

  • 200 g di burro
  • 150 g di zucchero semolato
  • un uovo
  • 300 g di farina 00
  • 70 g di mandorle pelate

Preparazione:

Fate ammorbidire il burro e mescolatelo allo zucchero con delle fruste elettriche, fino a formare una crema spumosa. Aggiungete l'uovo e continuate a sbattere, poi, unite al farina e le mandorle finemente tritate. A questo punto posate le fruste e proseguite ad impastare a mano, fino a formare una palla d'impasto omogenea. Create delle palline d'impasto delle dimensioni di una noce e disponetele su una teglia rivestita di carta da forno. Con i rebbi di una forchetta appiattite ogni biscotto, otterrete un leggero segno striato che si manterrà anche in cottura. Infornate a 180° per 10 minuti.

Cookie Box Spagna 3

TORTAS DE ACEITE

Biscotti anomali, che ricordano delle focaccine, senza riprodurne la proverbiale morbidezza. Tutto dipende dal profumo dell'olio evo, che ovviamente dev'essere il migliore a cui potete avere accesso. Quando gli ingredienti sono così pochi è anche inutile raccomandarsi della qualità!
La versione originale vorrebbe l'utilizzo dei semi di anice, cosparsi sulla superficie del biscotto come il sesamo e come lo zucchero, che in forno si caramella formando una crosticina deliziosa.

Ingredienti per 14 biscotti:

  • 300 g di farina 00
  • 6 g di lievito di birra istantaneo
  • 100 ml di acqua tiepida
  • 30 ml di olio evo
  • un pizzico di sale
  • zucchero di canna q.b.
  • semi di sesamo q.b.

Procedimento:

In una ciotola capiente unite farina setacciata, lievito e sale. Aggiungete l'acqua tiepida e l'olio, poi, iniziate ad impastare. Aggiungete un pochino di acqua se l'impasto vi sembra eccessivamente secco (massimo 10/20 ml).  Impastate senza interrompervi per qualche minuto, fino a quando avrete tra le mani un composto compatto. Create delle palline da circa 30 g ciascuna e appiattitele quanto più possibile con il mattarello, formando dei dischi. Distribuiteli su una teglia rivestita di carta da forno e spennellate un po' di olio sulla superficie, cospargete lo zucchero e i semi di sesamo. Infornate a 200° per 10 minuti.

Cookie Box Spagna 1

Mimì in Cocotte

Martina Tripi
info@mimiincocotte.it