Mimì in Cocotte

Posso aiutarti?

Valore non valido

Invalid email address.

Per inviare il messaggio devi accettare la mia Policy della Privacy

Per inviare il messaggio devi accettare la mia Policy della Privacy

 

Cinque libri di cucina per evocare

Marzo è iniziato con un editoriale che parlava di ciò che un libro di ricette può evocare. Ne ho raccolti cinque che hanno mood totalmente differenti fra loro e che possono condurvi in luoghi, anche solo emotivi, davvero magici.

 

 

5 libri di cucina marzo 1MOLLY ON THE RANGE - Recipes and stories from an unlikely life on a farm
di Molly Yeh,
Rodale, 2016

È davvero una tristezza che qualcuno non abbia ancora tradotto in italiano questo libro.
Molly Yeh è autrice del blog My name is Yeh, nonché regina dei funfetti. Si è aggiudicata di diritto questo titolo dopo aver riportato in voga gli zuccherini colorati.
Quando era ragazzina i funfetti, chiamati anche "cibo per unicorni", erano un super trend. L'azienda americana Pillsburry aveva messo in commercio il Funfetti Cake Mix, dove gli zuccherini finivano direttamente nell'impasto della torta, che ne veniva fuori un tripudio di colore. All'epoca se non ne servivi una al tuo compleanno non eri nessuno.
Nel suo libro Molly racconta la sua storia attraverso il cibo: dalla sua infanzia trascorsa a Chicago, al periodo di studi alla Julliard, fino all'approdo in quella che è ancora oggi la sua casa: una fattoria nell'upper Midwest, dove vive con il marito e il figlio.
Molly ha creato un universo allegro e scanzonato intorno alla sua cucina: il mood è un perfetto mix fra Il favoloso mondo di Amelie e Juno; questo l'ha rapidamente trasformata in un personaggio seguitissimo, oggi, infatti, conduce anche un programma su Food Network.
Perfetto per chi ha voglia di una storia straordinariamente ordinaria oltre al cibo e per chi ama decorare le torte, perché Molly Yeh ha uno stile tutto suo e potrà ispirarvi tantissimo.

 

 

5 libri di cucina marzo 2LA FELICITÀ È SERVITA
di Trish Deseine
Guido Tommasi Editore, 2007

Questo libro riesce a darmi una profonda serenità. L'ho inseguito diversi anni, ma non so perché non riuscivo mai a comprarlo. Non è un manuale indispensabile, ma sicuramente coglie alla perfezione il concetto di cui vi ho tanto parlato ultimamente. Si lega al ricordo dei piatti dell'infanzia - quella amorevole, generosa e accurata - per spiegare, però, quanto sia cambiata la vita in poche manciate di anni e quanto poco tempo per cucinare si ha oggi a disposizione.
Così bisogna munirsi di trucchi utili e tecniche agili che aiutino a fregare il tempo. Rinunciare a ricevere, a riempire la propria casa di persone con cui si ha voglia di trascorrere ore spensierate a causa delle incombenze e alla frenesia, è fuori discussione. 
Ricevere per cena durante la settimana - in un epoca senza coprifuoco alle 22 chiaramente - è bellissimo, ma altrettanto stancante. Eppure secondo Trish Deseine si può fare, con le giuste ricette, senza trascorrere ai fornelli più del necessario. Fra le pagine troverete grandi classici familiari anche alla nostra tavola, come il "vero" ragù, ma leggetelo senza mai scordare che l'autrice è irlandese.
Perfetto per chi non vuole rinunciare a organizzare pranzi, cene, merende e aperitivi anche se ha pochissimo tempo per farlo, qui troverete qualche trucchetto da tenere a portata di mano.

 

 

5 libri di cucina marzo 3LA MIA CUCINA DI CAMPAGNA-Un anno di ricette nella mia casa in Médoc
di Mimi Thorisson
Malvarosa, 2015

Un po' la odio Mimi Thorisson. La odio perché è bellissima e in gambissima e perché vive la vita dei sogni nella casa dei sogni. I suoi sono fra i più bei libri di cucina mai pubblicati e sì, vorrei averli scritti io.
Ha un marito fotografo e dei figli molto fotogenici e le sue ricette riescono sempre.
Questo libro vi trasporterà in un contesto irresistibile: una casa di campagna dai panorami mozzafiato situata a Médoc, una delle zone più remote della francia, che affaccia sull'oceano Altlantico. È qui che si è trasferita l'autrice con la sua numerosissima famiglia, per fuggire una volta per tutte dal chiasso parigino.
La cucina rurale di Mimi Thorrisson è ricca, colorata e stagionale, fatta di brisé dorate, terrine piene di foie gras da spalmare sul pane tostato e pere che galleggiano in un denso sciroppo di vino, zucchero e spezie. 
Perfetto per chi ha voglia di fuggire dalla città per ricominciare in campagna e godersi una vita tranquilla scandita dal ritmo della natura.

 

 

5 libri di cucina marzo 4Fallin Cloudberries-Ricette di famiglia dal mondo
di Tessa Kiros
Luxury Books, 2006

Là dove cadono i lamponi artici - sembra il titolo di una poesia, di un romanzo d'amore o di una canzone indie molto romantica. Quel luogo - racconta Tessa Kiros - è la Finlandia, sua terra d'origine.
Dalla Finlandia all'Italia, passando per la Grecia, Cipro e il Sud Africa: le pagine di questo libro raccolgono memorie, fotografie e perfino un albero genealogico.
Arrivando da una famiglia con radici che si estendono dal nord al sud di questa penisola, fino a raggiungere la Somalia e l'Irlanda, quando ho letto Fallin Cloudberries mi sono sentita profondamente coinvolta.
Tessa Kiros racconta i luoghi e le persone con una delicatezza innata, seminando parole come se stesse distribuendo lo zucchero a velo sopra una torta.
Profumi, colori, tecniche e storia dei piatti, che si susseguono una pagina dopo l'altra, invitano a rintanarsi in cucina per viaggiare col cuore.
Perfetto per chi vuole un libro ricco di ricette e con una bella storia da leggere.

 

 

5 libri di cucina marzo 5BAREFOOT CONTESSA PARTY-Menù e ricette per organizzare party memorabili a casa tua
di Ina Garten
Luxury Books, 2007

Una storia molto poetica, che sembra sceneggiata direttamente da Nora Ephron. La trama racconta di una signora di classe che ha sempre amato dare feste. No, non si chiama Clarissa e non passeggia per Bond Stret, il suo nome è Ina Garten e lavora alla Casa Bianca. Un giorno scopre che un negozio alimentare di Westhampton Beach è in vendita e si domanda perché non dare del tutto sfogo alla grande passione che l'ha sempre fatta sentire felice nei weekend, quando apriva le porte della sua casa e cucinava per flotte di amici, che ne adoravano l'accoglienza e le ricette.
Si butta: fa un'offerta per il negozio senza pensare davvero a cosa avrebbe comportato se fosse stata accettata, ma lo scopre qualche tempo dopo, nella cucina della prima cliente che le affida addirittura un intero catering.
Oggi Ina Garten è un mito e dobbiamo ritenerci molto fortunati ad avere questo libro tradotto in italiano. Qui troverete tantissime idee per organizzare eventi a tema, in qualsiasi stagione. Per darvi un'idea delle ricette ve ne cito direttamente qualcuna: gelato al caramello noci e cioccolato, rugelach - per sperimentare la cucina ebraica -, panini all'aragosta, purè di patate dolci e mele e tacchino arrosto.
Perfetto per chi ama le storie avvincenti e i personaggi femminili forti, oltre alla buona cucina.

Mimì in Cocotte

Martina Tripi
info@mimiincocotte.it