Mimì in Cocotte

Posso aiutarti?

Valore non valido

Invalid email address.

Per inviare il messaggio devi accettare la mia Policy della Privacy

Per inviare il messaggio devi accettare la mia Policy della Privacy

 

  • Home
  • Journal
  • Di parole e di cibo

Di parole e di cibo

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di novembre

Meno uno e poi è finita. Questa rubrica ispirata alle ricette di La Cucina Italiana ormai volge al termine...a cosa lascerà spazio? Ci sto riflettendo, restate sintonizzati!
In questo racconto c'è un bel po' di me, come sempre d'altronde. È nato mentre tentavo di scrivere tutt'altro, quando capita così bisogna lasciare andare le parole e vedere fin dove arrivano. Avete mai assaggiato il Pain perdu?

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di ottobre

Questa rubrica ispirata a La Cucina Italiana è nata a gennaio e fra due mesi si concluderà. A ottobre la rivista è stata diretta da Carlo Cracco e le ricette del ricettario mensile sono tratte proprio dai suoi libri.
Ho scritto tanti racconti ispirati alle preparazioni dolci e salate che ogni mese sono state pubblicate e mi sono divertita moltissimo a inventare storie partendo proprio dai piatti.
Il racconto di ottobre è pieno di trasporto e d'amore, spero vi piaccia.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di settembre

Ho immaginato una ragazzina col sogno di cucinare osservare una grande Chef, ne è venuto fuori questo racconto.
Le parole di Antonia Klugmann, direttrice eccezionale di La Cucina Italiana del mese di settembre, sanno decisamente ispirare.
Da gennaio porto avanti questa rubrica nella quale unisco parole e cucina, prendendo spunto dalle pagine della mia rivista culinaria preferita. È l'occasione per allenare la fantasia e celebrare un giornale che dopo novant'anni è ancora un punto di riferimento per chi ama mangiare e cucinare.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di agosto

Questo mese ho comprato La Cucina Italiana nell'edicola di Torre Faro, nel pieno della mia vacanza in Sicilia, dopo una meravigliosa granita al cioccolato dell'Eden Bar.
Sapete, in Sicilia c'è un dibattito sempre aperto su quale sia la granita migliore, non solo da Comune a Comune, ma anche da locale a locale. I miei gruppi Whatsapp s'infiammano spesso sull'argomento e io adoro leggere consigli perentori e recensioni drastiche sulla "brioscia" perfetta o la granita da non perdere.
Proprio la granita è uno dei cibi menzionati nella rubrica "Cibo da spiaggia" di questo numero, fra le specialità regionali ed è su questo che si è articolato il mio racconto del mese.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di luglio

#LACUCINAITALIANAGOESTOUNESCO
Questo mese La Cucina Italiana si è superata. Non solo - eccezionalmente - è stata diretta da Massimo Bottura, ma l'annuncio in copertina toglie il fiato: la rivista ha deciso di candidare la cucina del nostro paese a Patrimonio Immateriale dell'Umanità all'Unesco.
Se ogni mese, da gennaio 2020, per questioni affettive ho scritto un racconto ispirato alle ricette della rivista, questa volta mi riservo esclusivamente di raccogliere i pensieri che hanno succeduto la lettura del numero di luglio. Questo perché credo di essere di fronte, come tutti voi, ad una svolta epocale dal punto di vista non solo enogastronomico, ma anche culturale. 
Non posso rimanere impassibile davanti ad un tale evento io, che ho fatto della cucina il filtro con il quale osservo prima di tutto il mio paese e, poi, il mondo. Ho mangiato regolarmente in due regioni che si definiscono praticamente ai poli opposti: Veneto e Sicilia, il Nord e il Sud, Polentoni e Terroni. Voi non avete idea di quanto veneti e siciliani si assomiglino e non immaginate neanche di quanto si assomiglino proprio a tavola. L'eccellenza è il minimo comune denominatore, l'Italia è un luogo così ricco di ingredienti, piatti e sapori che non basterebbe una vita per assaggiarla tutta.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di giugno

L'irrinunciabile è decisamente ciò che ci fa sentire confortati qualsiasi cosa accada.
Da che ho memoria il pranzo del sabato a casa dei nonni è sempre stata una tradizione che non avrei mancato di osservare, nemmeno quando, da adolescente, detestavo fare qualsiasi cosa insieme ai miei genitori, solo perché pensavo che il mondo fuori casa offrisse molto più divertimento.
Il pranzo dai nonni era sacro e guai a saltarne uno. La bellezza di quelle ore non stava solo nel consumare l'ottimo cibo che nonna Marina preparava per noi, ma nella semplicità di riunirsi a fare conversazione, condividendo i fatti più importanti della settimana. Nonno cantava sempre e io adoravo la sua voce di velluto, mi chiedeva se avrei studiato medicina e io rispondevo: - No nonno, io faccio arte -: per fortuna questa risposta non lo scoraggiava mai, d'altronde le mie doti artistiche erano anche un po' "colpa" sua.
Da allora è passato molto tempo, loro non ci sono più, purtroppo, ma quella tavola di famiglia, in cui più generazioni si riunivano a mangiare insieme nella più pura spensieratezza, come se la vita sarebbe dovuta rimanere quella per sempre, è uno dei miei più preziosi ricordi.
A loro dedico questo ricordo ispirato ai piatti di La Cucina Italiana del mese di giugno.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di maggio

Ogni mese un racconto ispirato alla mia rivista del cuore, che ho scoperto essere un piccolo punto fermo per tantissime donne, di ogni età. Un altro racconto d'amore e cibo, due elementi vitali che nutrono in modi differenti.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di aprile

La Pasqua più strana della mia vita, senza la mia famiglia. La parola lontananza per me ha sempre avuto valore importante, sono cresciuta lontana dalla mia terra natale, lontana da numerosi ed importanti membri della mia famiglia, nonna, zii, cugini. Ma ho sempre avuto i miei genitori a portata di mano, cosa che non si può dire di molte delle persone a cui sono profondamente legata, abituate a vivere a chilometri di distanza da mamma, papà e fratelli. 
Anche se già avevo compreso parte di ciò che comporta la lontananza, cosa che mi ha sempre fatto odiare ogni genere di partenza, oggi più che mai sento che questo concetto mi sia arrivato chiaro e limpido. Un'esperienza in più, che ho voluto inserire nel racconto dedicato al numero di aprile di La Cucina Italiana.
Uscire a comprare la mia copia è stato un attimo di deliziosa normalità per cui ringrazio tutte le persone che ne hanno reso possibile la pubblicazione anche in un momento così delicato.

Leggi tutto

ITALIANI: popolo di Santi, poeti e panificatori

RIMEDIARE ALLA TRISTEZZA CON LA CUCINA
Ho fatto una profonda riflessione negli ultimi mesi riguardo al ritorno alle nostre origini culinarie, questo è il tempo giusto per riprenderla. Siamo stati privati della normalità, senza impegni lavorativi, ritrovi sociali; senza prospettive? – sì, almeno a breve termine. Staremo in casa fino a nuovo ordine, chi con i propri cari, chi da solo. Si respira tristezza e l’ansia accompagna i sogni. Questa è la situazione ed è inutile negarlo.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di marzo

In realtà avevo pensato di dedicare il racconto ispirato a La Cucina Italiana alla festa della donna, poi si è scatenata una situazione che ha talmente coinvolto ognuno di noi da diventare, senza troppi sforzi, il tema del mese. Com'è strana la vita in questi giorni, ogni volta che il nostro Presidente del Consiglio ci parla viene meno qualche altra libertà, o piccola abitudine quotidiana. Finiremo col trasferirci definitivamente sul materasso in camera da letto. Eppure sappiamo che tutto questo è necessario per venire fuori dall'incubo. Non mi sono mai sentita così italiana come in queste ore ed è un piccolo ritorno positivo dell'epidemia: ci unisce tutti, nella buona e nella cattiva sorte. Oltre a questo vorrei aggiungere di essere fiera d'appartenere ad una Nazione che mette la salute del popolo al primo posto. Nemmeno la mia è una situazione semplice e credo cambieranno melte cose a causa di queste settimane di paralisi, eppure non mi dispiaccio che lo Stato abbia agito in questo modo. Andava fatto prima? fatto meglio? forse, ma credo abbiamo avuto la prova che ogni decisione, in un senso o nell'altro, è sempre stata dettata da ottime intenzioni.

Leggi tutto

LA CUCINA ITALIANA - Il racconto di febbraio

Il cibo è il centro intorno al quale ruota la vita. E la vita non sa di ruotare intorno al cibo, anzi, crede sia il contrario, è convinta che la sfilata di piatti, sapori, ingrdienti, ricette, sia solo un carosello affascinante creato per sollazzarla. Sciocca. Non ha ancora capito quanto la memoria sia così profondamente legata al sapore e alla percezione di un boccone dato anche solo distrattamente. Mente la vita scorre il cibo ne segna le tappe.
Il racconto ispirato a La Cucina Italiana di febbraio parla d'amore, un tributo a San Valentino mi sembrava doveroso. Parla anche di ricordi, in questo caso tristi, che riemergono grazie a un dolce romano che io ho assaggiato solo di recente: il maritozzo. 
Si chiama così perché pare fosse il dolce che i fidanzati regalavano alle loro future mogli, i "maritozzi" chiamati così in un affettuoso vezzeggiativo, talvolta nascondevano nel dolce doni nuziali di valore.

Leggi tutto

  • 1
  • 2
Mimì in Cocotte

Martina Tripi
info@mimiincocotte.it